La sfida tra Porsche Taycan e Tesla Model S per la berlina elettrica più veloce

Photocredit DEE/Taycanforum

Sono due berline elettriche tra le più ambite tra chi – per varie ragioni – si sta convertendo alla mobilità a batteria. Stiamo parlando della Porsche Taycan e della Tesla Model S: la prima è appena arrivata sul mercato, la seconda è quasi una veterana, alla costante ricerca del miglioramento e della perfezione.

Di recente, le due auto elettriche sono state protagoniste di una sfida a distanza su quale delle due fosse la più veloce in pista. Una sfida che non può dirsi conclusa (il perché lo sveleremo tra poche righe) ma che ha già spaccato il mondo degli appassionati di auto e quelli di mobilità elettrica.

Tesla e Porsche: approcci diversi all’auto elettrica

Si sa – infatti – che Tesla gode del supporto di molti fan in giro per il mondo, che vedono nell’azienda fondata da Elon Musk il grimaldello che ha scardinato i concetti – e i preconcetti – sulle auto elettriche, rendendole “cool”. Certo, come per tutti gli EV i prezzi non sono certamente popolari, un limite che rende Tesla un costruttore di modelli “premium”, nonostante i tentativi di avvicinare target di clientela sempre più ampi.

Dal canto suo, Porsche ha intrapreso la strada dell’elettrificazione investendo massicci capitali, un po’ come tutti i principali costruttori. E partendo da modelli ibridi è arrivata a realizzare un modello interamente elettrico come la Taycan, una vera e propria auto sportiva “travestita” da berlina con potenze comprese tra i 322 e i 724 cavalli.

E qui emerge la sostanziale differenza tra queste due auto elettriche: la Taycan è una sportiva con la forma di una berlina di lusso, la Model S è una berlina di lusso con prestazioni da sportiva. Sembra una differenza banale, ma in realtà non lo è affatto. In più, Elon Musk non ha mai enfatizzato eccessivamente il lato prestazionale delle proprie vetture, evitando per lungo tempo confronti in pista con la concorrenza.

La sfida incrociata tra Taycan e Model S

Qualcosa è cambiato, se consideriamo che il “divino Elon” ha deciso far girare la Model S al Nürburgring e a Laguna Seca, i due circuiti più significativi d’Europa e degli Usa in quanto ad appeal. Tesla ha portato sul circuito californiano una Model S Plaid Mode – un pacchetto di modifiche che prevede un terzo motore elettrico (due sull’asse posteriore), cerchi maggiorati con pneumatici Goodyear Eagle F1 Supersport RS, aerodinamica ottimizzata con un grosso flap sulla coda – che ha girato in 1’36’’555, battendo il precedente di 1’37’’54 realizzato da una Jaguar I-Pace a settembre del 2018.

Ma il vero terreno di sfida tra le due berline elettriche è il circuito del Nurburgring Nordschleife. A fine agosto, una Porsche Taycan Turbo condotta dal pilota collaudatore Lars Kern ha completato i 20,6 chilometri del “Green Hell” in 7 minuti e 42 secondi. La risposta di Tesla è arrivata con un giro in 7 minuti e 23 secondi effettuato dalla Model S Plaid solo che nessuno ha certificato il record e Model S si è anche rotta (la foto della Taycan che sfila accanto alla Tesla trainata dal carro attrezzi ha fatto il giro del mondo). Musk ha annunciato che il tentativo di record è rimandato al mese prossimo

La Porsche Taycan e il record di percorrenza a Nardò

Forse proprio per evitare di finire in panne come la Tesla Model S Plaid al Nurburgring, ma anche per garantire ai clienti l’affidabilità degna di un marchio prestigio, la Porsche Taycan ha macinato chilometri durante i test pre-lancio. Oltre ai classici percorsi in terre estreme – al nord per verificare la tenuta ai climi rigidi come a sud per quelli caldi – la Taycan ha condotto sull’anello di Nardò (Lecce) un test chiamato “Triple Endurance Run”, che prevede la riproducibilità delle sue prestazioni all’interno di un intenso test, articolato su 26 prove consecutive di accelerazione da 0 a 200 km/h. Poi ha percorso 3.425 chilometri in 24 ore sull’anello senza problemi.

Va detto, poi, che l’auto elettrica portata da Porsche al Nürburgring è la Taycan Turbo e non la Taycan Turbo S che ha performance superiori. La prima ha una potenza di 680 Cv, mentre la seconda arriva a 761 CV. Ci sono poi due versioni meno potenti: la “base” da 322 CV con trazione posteriore e pacco batterie da 80 kWh, che parte da un prezzo di listino di circa 80.000 euro, e la Taycan 4S, che ha le batterie da 96 kWh e due motori elettrici con potenze comprese tra i 429 ed i 483 CV.

Un’auto elettrica usata? Con Brokar si può!

Fin qui abbiamo parlato di auto elettriche e della sfida tra Porsche e Tesla per stabilire quale sia la berlina a zero emissioni più veloce. Ma volendo cercare un’auto elettrica usata, esiste già qualcosa sul mercato?

Si, la buona notizia è che tra le auto d’importazione che Brokar commercializza ci sono fin da ora modelli elettrici, tra questi alcuni di prestigio come Audi e-tron, Jaguar I-Pace e BMW i8, quest’ultima un’ibrida Plug-in.

Per informazioni scrivi a info@brokar-milano.com per trovare la tua prossima auto in tempi brevissimi!

Postato il 26 settembre

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.



Condividi